Jim Dougherty il primo marito di Marilyn Monroe
Loading

Cerca all'interno del sito

Jim Dougherty: il primo marito di Marilyn Monroe

19 giugno 1942 furono celebrate a Brentwood le nozze fra Norma Jeane Baker Mortenson e Jim Dougherty.

James "Jim" Edward Dougherty nasce in Texas il 12 aprile 1921, ultimo dei quattro figli di Edward e Ethel (il cui cognome da nubile era Beatty) Dougherty, nati a Pueblo in Colorado da genitori emigrati dalla Gran Bretagna.
Quando Jim era piccolo i Dougherty si spostarono a Globe in Arizona, per poi trasferirsi di nuovo e stabilirsi a Van Nuys presso Los Angeles, dove Jim si diplomò nel 1938 al liceo locale, il Van Nuys High School, presso cui era membro del gruppo teatrale e della squadra di football. Dopo il diploma trovò lavoro presso la Lockheed Aircraft Corporation di Burbank, che produceva aerei e strumenti areonautici.
Aveva vent'anni quando vide per la prima volta Norma Jeane Baker, la futura Marilyn Monroe e lei ne aveva quindici.

Nel 1941 la salute di Ana Lower, che soffriva da tempo di cardiopatia, si aggravò e non fu più in grado di occuparsi di Norma Jeane. La ragazza dovette quindi trasferirsi di nuovo tornando a vivere con la nipote di Ana, Grace Goddard, che viveva a Van Nuys presso Los Angeles in una casa di proprietà della zia. Per Norma Jeane fu un dolore lasciare Zia Ana a cui si era affezionata moltissimo, ma presso i Goddard viveva anche Eleanor detta Babe la figlia che Doc Goddard aveva avuto prima del matrimonio con Grace. Babe era coetanea di Norma Jeane e legarono subito diventando molto amiche.

Jim Dougherty viveva con i genitori nella casa dietro a quella dei Goddard, in Archwood Street. A Jeane il vicino di casa piacque subito, era l'uomo dei suoi sogni.
In breve tempo presero a frequentarsi molto spesso, lui l'accompagnava tutti i giorni a scuola e la portava al cinema e a ballare, finchè agli inizi del '42 la famiglia Goddard decise di trasferirsi sulla costa orientale, in Virginia, perchè Doc aveva ottenuto dall'azienda per cui lavorava, la Adel Precision, il posto di direttore delle vendite della costa est.
Per Norma Jeane che non poteva partire, perchè ancora sotto la tutela del giudice, si prospettò nuovamente l'incubo dell'orfanotrofio. Grace Goddard allora chiese a Ethel Dougherty, la madre di Jim, se questi fosse disposto a sposarla.
Jim accettò e così Ethel Dougherty e Zia Ana organizzarono il matrimonio e la sera di venerdì 19 giugno 1942 a Brentwood furono celebrate, da un ministro cristiano non confessionale, le nozze fra Norma Jeane Baker Mortenson, di sedici anni e Jim Dougherty di ventuno.
Alla cerimonia parteciparono venticinque ospiti tra cui i coniugi Bolender, presso cui Norma Jeane aveva vissuto fino agli otto anni. I Goddard mandarono un telegramma dalla Virginia e Gladys, la madre di Norma Jeane, ancora internata in una clinica psichiatrica non fu in grado di partecipare. Il fratello di Jim, Marion Dougherty fu il testimone dello sposo e una compagna di scuola di Jeane la damigella della sposa.
La luna di miele fu un semplice week end trascorso a pescare al lago Sherwood nella Venture County, dopo andarono a vivere in un monolocale a Sherman Oaks in Vista del Monte Avenue e sei mesi dopo affittarono un appartamento a Van Nuys.
Norma Jeane si comportava da perfetta mogliettina, teneva pulita la casa, cucinava per il suo sposo, che chiamava "daddy" (paparino) anche se erano entrambi giovanissimi, e si dimostrava molto affettuosa. Eppure Jim riscontrava in lei qualcosa di strano, come se ci fossero due Norma Jeane: una allegra, affettuosa, piena di vita e l'altra assente, lontana, dagli umori mutevoli. C'erano sprazzi in lei della persona che per troppo tempo era stata trascurata e non amata. Era introversa, bisognosa d'affetto e di essere rassicurata sempre.

Quando si erano sposati erano passati appena sei mesi dal bombardamento di Pearl Harbor e dall'entrata in guerra degli Stati Uniti e Dougherty, che era stato esentato dalle armi per il suo lavoro alla Lockheed, nonostante la ferma disapprovazione della moglie, ben presto si arruolò in Marina.
Venne assegnato all'addestramento ginnico delle nuove reclute a Santa Catalina e nel settembre 1943 i coniugi Dougherty affittarono un appartamento ad Avalon e si trasferirono sull'isola. Vi rimasero diciotto mesi, poi lui venne imbarcato e finì in una sperduta base del Pacifico, mentre lei si trasferì dalla suocera e si fece assumere come operaia alla Radio Plane Munitions Factory.

Norma Jeane a 16 anni, il giorno del matrimonio.
Jim e Norma Jeane nell'isola di Santa Catalina nel 1943.

Norma Jeane gli scriveva appassionate e infantili lettere piene d'amore e all'inizio gli fu fedele, ma quando Jim, alla fine del conflitto, tornò a casa, Norma Jeane aveva già intrapreso la strada che le era più congeniale, quella di modella e aspirante attrice, che la indusse il 14 maggio 1946 ad andare a Las Vegas a chiedere il divorzio, che diventò definitivo il 13 settembre dello stesso anno.
I documenti del divorzio raggiunsero Jim mentre la nave su cui era imbarcato stava risalendo lo Yangtze River per raggingere Shanghai. Al suo rientro cercò di persuadere Norma Jeane a lasciar perdere il divorzio, ma lei non volle sentir ragioni, l'unica cosa che le importava era di arrivare a firmare il contratto con la Fox, e per farlo doveva essere libera, non l'avrebbero mai presa se fosse stata sposata e magari incinta.

16 marzo 1946 ad un party nell'Ambassador Hotel a Coconut Grove.
Jim Dougherty anziano.

In un'intervista fatta molti anni più tardi Jim Dougherty commentò: "... di tutte le cose fatte nella mia vita, la cosa per cui sono più famoso è per essere stato il primo marito di Marilyn Monroe. Non ho mai conosciuto Marilyn Monroe... ma credo di aver conosciuto la persona reale che ci stava dietro".

All'inizio fu un vero colpo per Jim a cui segui, come è normale dopo la fine di un matrimonio, un periodo di depressione, ma presto si riprese. Nel 1947 entrò a far parte del LAPD (Los Angeles Police Department) il corpo di polizia di Los Angeles e lo stesso anno si risposò con Patricia Scoman. Da questa unione sono nate tre figlie: Cheryl Ann nata nel 1947, Vivian Kathleen nata nel 1950 e Mary Irene nata nel 1952. Pat e Jim divorziarono nel 1972.

Dougherty non andò mai al cinema a vedere la sua ex-moglie, ormai diventata una star col nome di Marilyn Monroe, perchè Pat la donna che aveva sposato in seconde nozze non approvava, aveva come una sorta di gelosia, come se avesse dovuto competere con lei. Tuttavia la sera della premiere del film "Giungla d'asfalto", Jim era uno degli agenti in servizio per tenere a bada la folla, anche se non riuscì a vederla perchè Marilyn non partecipò all'evento.
Nel 2001 durante un'intervista per il Portland Press Herald di Portland nel Maine Jim dichiarò che negli anni cinquanta aveva dovuto mentire alla moglie per poter partecipare al quiz-show televisivo "To Tell the Truth": lui era uno dei tre uomini tra i quali il concorrente doveva scegliere per rispondere alla domanda su chi fosse il primo marito di Marilyn Monroe. Per paertecipare allo show Dougherty disse alla moglie che aveva degli impegni di lavoro, ma lei scoprì la verità e gli tirò una padella.

La notte tra il 4 e il 5 agosto 1962 quando Marilyn Monroe perse la vita, l'agente Clemmons che rispose alla chiamata e accorse alla villetta di Brentwood di proprietà dell'attrice, pochi minuti dopo averla trovata morta chiamò il collega Jim Dougherty che era in servizio, per dirgli che la sua ex-moglie era morta. Al momento Jim rispose solo "Mi spiace", ma come espresse molto più tardi in un'intervista alla Associated Press nel 2002, a quella notizia fu come se avesse ricevuto un pugno nello stomaco.

Dougherty si è sposato una terza e ultima volta nel 1974 con Rita Lambert, e lo stesso anno, dopo 25 anni di lavoro presso il Dipartimento di Polizia di Los Angeles, prese congedo. Quindi si trasferì in Arizona e in seguito si stabilì a Sabattus nel Maine, paese natale della moglie. Sono rimasti insieme fino alla morte di lei avvenuta nel 2003.

Durante il suo secondo matrimonio Jim, nonostante fosse consapevole del loro grande valore, distrusse tutte le centinaia di lettere che Norma Jeane gli aveva scritto durante il loro matrimonio, perchè diceva di non averne bisogno per mantenere viva la memoria.
Negli anni vissuti nel Maine Jim lavorò al dipartimento dello sceriffo e tenne dei corsi sulle scienze criminali. Lavorò come commissario per la Boxing Commission del Maine e nel 1986 si candidò e perse un confronto politico durante le elezioni.

Dopo l'unione con Rita la sua terza moglie, Jim parlò molto più apertamente del suo primo matrimonio, anche perchè Rita non aveva alcun problema con questo argomento, e Dougherty oltre a rilasciare interviste, ha scritto due libri circa la sua relazione e il rapporto con la Monroe "The Secret Happiness of Marilyn Monroe" (1976) e "To Norma Jeane with Love, Jimmie" (1997), è apparso in un documentario del 2004 intitolato "Marilyn's Man" e ha avuto un sito web.

Jim è scomparso il 15 agosto 2005 quando aveva 84 anni, a San Rafael in California per leucemia.